Accept Cookies?
Provided by OpenGlobal E-commerce
Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 452

Suggestioni

11-09-2013

I personaggi che interpretate in un larp prendono vita quando, quasi senza rendervene conto, con la sorprendente naturalezza che hanno i giochi dei bambini, date forma alle vostre idee in un intreccio di parole, sguardi, gesti, posture e poi ancora di odi, di amori, di battaglie. Ma le idee non nascono nel vuoto, hanno bisogno di nutrirsi di stimoli e fascino, di germogliare su un terreno di racconti e sogni e ricordi. Ho quindi deciso di usare il Diario dello Sviluppatore di questa settimana per stilare una breve lista di fonti di ispirazione che potrebbe esservi utile nell'immaginare il vostro personaggio per La fortezza dei vinti. Per questo che potrebbe essere il primo di una serie di articoli ho deciso di usare solo scene tratte da film per una questione di immediatezza. Ovviamente si tratta di un elenco stilato secondo il mio gusto personale, che non vuole in nessun modo essere vincolante. Non è necessario conoscere nessuna delle opere che ho citato per giocare e divertirsi. Sono solo dei suggerimenti per la caratterizzazione dei vostri personaggi. Anzi, qualcosa di meno. Delle suggestioni. 

All'inizio di questo post potete guardare una delle scene finali dell'Enrico V, uno stupendo piano sequenza che racchiude in se tutto il dolore e la disperazione che possono nascere da una battaglia, anche da una vittoria. Per l'atmosfera e per i costumi mi sembra particolarmente adatto alle schiere degli invasori di Castelbruma, così come lo è anche questo monologo, il discorso di un condottiero prima della battaglia è un momento centrale in ogni racconto epico e i nostri Duchi non dovrebbero essere da meno!

 Quando ho scritto che non è necessaria la visione di nessuno di questi film mentivo. Fatevi un favore e guardate Il Mestiere delle Armi. Che siate abitanti del Baluardo, in attesa di scontrarsi contro un esercito superiore per numero e per ferocia, nobili di qualche corte, profughi di guerra o biechi invasori, troverete decine di scene adatte al vostro personaggio. In questo lungo segmento ce ne sono alcune fra le mie preferite, compreso uno degli insulti più belli della cinematografia “E tu, vai a dire a quel puttaniere di Federico, infognato sempre a cavalcar bagasce, che appena scontrati gli alemanni io torno qui a chieder conto di quel verme infame che ier sera m'ha sbarrato il passo di questa porta! Gli torciglio le budella da fargli vomitare merda!”
A tutti i cerusici consiglio invece la visione di questa scena, dove viene amputata la gamba a un ferito Giovanni dalle Bande Nere. 

Il Mercante di Venezia è invece una perfetta fonte di idee per i mercanti di Venalia. Non solo per gli splendidi costumi ma anche, e soprattutto, per i toccanti monologhi di Shylock, adatti sia ai Niviani che a tutti gli ambiziosi uomini al seguito dei Fontedoro, chiamati a scontrarsi contro la morale degli uomini del nord. 

Le vicende de La fortezza dei vinti non riguardano però solo nobili, guerrieri o ricchi mercanti, si concentrano soprattutto sulla gente comune, su quel popolo così tanto bistrattato da signori e prelati. Idee per personaggi plebei si possono trovare senza difficoltà nelle opere di Monicelli che, pur con l'estremizzazione propria della caricatura, riescono a rendere quel senso insieme di sottomissione e desiderio di rivincita che dovrebbe animare molti tra gli umili della nostra storia. Possono essere scene grottesche e divertenti, come il duello di Brancaleone, le furberie di Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno oppure momenti amari, su tutti l'esecuzione di Don Bastiano ne Il Marchese del Grillo

E proprio il Marchese, con la sua celebre frase “Io sono io e voi, voi non siete un cazzo” ci ricorda che, ben oltre il medioevo, la differenza tra le classi era incredibilmente marcata e percepita come necessaria e immutabile. Con l'insormontabile abisso che divide nobili e plebei si scontra anche Bartolo, protagonista de Il viaggio della sposa, quando si costringe a rinunciare al suo amore verso una nobildonna “perché non si può rivoltare il mondo solo perché a uno gli salta in testa una cosa”. 

Che voi siate nobili o plebei, invasori o patrioti, sarete inevitabilmente chiamati a superare delle sfide e compiere scelte difficili, magari tra la vostra vita e il vostro onore, tra la libertà e la ricchezza, tra l'amore e il dovere. E forse non sempre il vostro destino sarà nelle vostre mani. E' per esempio Marian a decidere quale sarà il futuro di un invecchiato Robin Hood in Robin e Marian, compiendo una scelta fatale e irreversibile.
Ma quali che siano i vostri dilemmi, quali che siano i vostri nemici, ci aspettiamo che li sfidiate con entusiasmo, sfruttando ogni occasione per inseguire la vostra odiata nemesi e per urlargli finalmente in faccia “Hola. Mi nombre es Inigo Montoya. Tu hai ucciso mio padre. Preparate a morir”.  

Non sarete però soli ad affrontare sfide e scelte dolorose. La religione è un elemento pervasivo nella realtà medievale e dovreste decidere quale atteggiamento hanno i vostri personaggi nel confronto dei quattro Dei. Sarete guerrieri dalla fede in bilico, come il cavaliere de Il Settimo Sigillo o ferventi devoti ciecamente fedeli alla dottrina, come l'abate de Il Nome della Rosa?
Prendendo spunto da questa scena de Nell'anno del signore vi chiedo anche: i vostri sacerdoti saranno umili servitori del popolo o ambiziosi e legati al potere dell'Ecclesia?
Infine, tra i feroci guerrieri di Castelbruma, si nasconde forse qualche pagano ancora seguace del culto degli antenati

La fede non è l'unica forza mistica presente a La fortezza dei vinti. Nel nostro mondo di fantasia la magia è un potere raro e pericoloso ma reale. Se gli sciocchi pensano che possa bastare una preghiera a scacciare le influenze occulte, l'Arcano Incantatore ci ricorda quanto i poteri sovrannaturali fossero temuti e incomprensibili.
Negli anni, sopratutto nella letteratura e nella cinematografia di genere, la figura del mago è diventata sempre più comune e stereotipata, quasi che il suo non fosse altro che un lavoro (o, per meglio dire, una classe) come un altro. Tuttavia mi piacerebbe vedere di nuovo in scena stregoni e fattucchieri ammantati da un alone misterioso e mistico, come l'indimenticabile Merlino di Excalibur, con la sua magia del fare e i suoi criptici insegnamenti sul Drago. 

Non è però solo dal cinema storico, siano esso le storie senza tempo di Shakespeare, gli epici racconti di Hollywood o il medioevo di maniera affrescato da Monicelli, da cui possono venire suggestioni e ispirazioni per i vostri personaggi. I temi de La fortezza dei vinti aspirano infatti ad andare oltre agli stretti confini del fantasy e provare a sfiorare le inquietudini della condizione umana. Si può quindi guardare alle grandi opere del cinema, per esempio Roma città aperta, per cercare di sviluppare la complessa tematica del rapporto con lo straniero e con l'invasore. Oppure film come Mediterraneo o Il nemico alle porte. Infine, nulla vieta che l'ispirazione venga da altri generi, su tutti la fantascienza che del rivolgersi al reale tramite l'utilizzo di simboli e simulacri ha fatto la sua poetica, penso per esempio a Il mio nemico o Alien Nation

Insomma, le suggestioni per costruire personaggi memorabili possono provenire da una moltitudine di fonti. Io ho provato ad elencarvi le mie preferite ma ora tocca a voi. Quali scene, quali film, quali racconti e quali romanzi vi sentite di consigliare come aiuto a chi deve immaginare il proprio personaggio per La fortezza dei vinti?

 


 

Leggi anche: il nuovo Manifesto 2013 di Terre Spezzate - "La Rivoluzione d'Ottobre", gli altri articoli del Diario dello Sviluppatore e le famigerate, insolenti, irresistibili 42 Tesi per la Rivoluzione. Leggi i commenti a questo articolo nel gruppo Facebook Gioco di Ruolo dal Vivo Italiano e sulla pagina FB de La fortezza dei vinti.

P.s.: le iscrizioni a La fortezza dei vinti ormai sono chiuse causa "tutto esaurito", ma non disperate! Stiamo pensando di organizzare una replica, se ci saranno abbastanza persone interessate. Sabato 28 settembre, invece, al pub "Exess" di Bollate, presso Milano, si terrà un Incontro pre-gioco dedicato a tutti i partecipanti e a tutti i curiosi, i larper della zona, gli amici che non sono riusciti a iscriversi. Se invece siete riusciti a iscrivervi... potete dare una mano alla realizzazione dell'evento offrendovi per una collaborazioneGli eventi di Terre Spezzate si sono sempre basati anche sull'aiuto volontario da parte di tanti giocatori, e non c'è motivo di smettere...

 

10 motivi per giocare a ts

  • 1 Provare è semplice

    Grazie al noleggio integrale e a prezzo di favore dell'equipaggiamento per i neofiti sarebbe una sciocchezza non partecipare almeno una volta!

    >>>
  • 2 Ciò che vedi è ciò che hai!

    In Terre Spezzate puoi interagire realmente con un mondo accuratamente scenografato, pieno di dettagli!

    >>>
  • 3 Gioco per tutti

    Negli eventi di Terre Spezzate l'obiettivo è coinvolgere tutti i giocatori, nessuno escluso!

    >>>
Leggi Tutti